In magazzino meglio lavoratori veloci o flessibili? Scopri come fare per non dover scegliere

In magazzino meglio lavoratori veloci o flessibili? Scopri come fare per non dover scegliere

N.B. in magazzino come in azienda, essere imprenditore, prima di ogni altra cosa, significa essere una persona in grado di prendere decisioni. Decisioni che devono sì essere lungimiranti, ma che devono anche essere prese velocemente. In questo articolo vedrai che, a differenza della gran parte degli imprenditori, molti fornitori di personale in outsourcing non possiedono questa capacità. E ciò può causare gravi problemi all’interno del tuo magazzino di logistica. Ti mostrerò, con esempi reali, tutti i costi causati dall’inefficienza, e ti suggerirò una ricetta efficace per prevenire queste situazioni.

Le mie giornate lavorative sono sempre molto lunghe e molto piene. Piene di cose da fare, ma soprattutto di decisioni da prendere. Di preciso non so quanto durino le tue, ma quello di cui sono assolutamente certo è che, essendo anche tu un imprenditore, ti ritrovi come me a dover decidere QUOTIDIANAMENTE su un gran numero di questioni di importanza cruciale per la tua azienda.

Avendo iniziato ad occuparmi di logistica di magazzino come semplice carrellista presso una cooperativa quando ancora studiavo (prima alle superiori e poi all’università) ho sempre dato molta più importanza a quello che imparavo e vedevo con i miei occhi “sul campo”, piuttosto che alle ricette molto ben scritte ma spesso molto poco pratiche che si leggono sui manuali.

Mi è però casualmente capitato di sfogliare un libro dal titolo Resilience: I sette principi per una gestione aziendale sana e prudente, e sono totalmente d’accordo con questo concetto: “Data la crescente complessità dello scenario economico le aziende devono saper prendere decisioni sempre più velocemente, senza rinunciare a una buona qualità delle stesse, se vogliono ottenere performance positive e stabili nel tempo”.

In magazzino bisogna prendere decisioni buone o decisioni veloci?

La verità è che un imprenditore non può permettersi di scegliere. Un imprenditore ha una sola risposta possibile: ENTRAMBE.

Ad esempio, nel caso del lancio di un nuovo prodotto, per un’azienda ovviamente è importante valutare i costi, l’esistenza o meno di un potenziale mercato e le sue dimensioni, i margini di profitto. Ovvero: DECIDERE BENE.

Ma è altrettanto fondamentale DECIDERE RAPIDAMENTE. Aspettare troppo infatti potrebbe voler dire venire anticipati dalla concorrenza.

Perché un’azienda funzioni al meglio, con bassi livelli di spreco e un’elevata produttività, non è solo l’imprenditore a dover prendere decisioni buone e veloci. Sulla base della mia esperienza serve che siano in grado di farlo anche tutte le persone che hanno un ruolo di responsabilità nel processo produttivo e, nel caso di un’esternalizzazione, il fornitore di personale in outsourcing.

Per quanto riguarda i lavoratori direttamente alle tue dipendenze probabilmente non ci sono problemi, dato che li hai scelti personalmente o tramite collaboratori di tua fiducia. I problemi quasi sempre nascono da un fornitore di personale in outsourcing inefficiente.

Ti mostro al volo cosa può succedere quando all’interno del tuo magazzino di logistica si decide male e troppo lentamente, e come evitare che accada.

Il tempo non è solo denaro, ecco tutti i costi di una logistica inefficiente

Esasperato per un’attesa infinita, un camionista ha girato questo video e l’ha pubblicato su YouTube.

Questi i fatti in sintesi:

• il camionista era partito da Verona con 30 bancali di vino che doveva scaricare in un magazzino a Pontedera

• è arrivato a Pontedera alle 9.10, terminando di scaricare i bancali intorno alle 10

• dopo aver terminato di scaricare i bancali aspettava le bolle per poter ripartire, ma dopo oltre UN’ORA E MEZZA di attesa dovevano ancora essergli consegnate

• oltre alle bolle non gli erano stati restituiti nemmeno i bancali

Tra le altre cose questo camionista fa presente che:

• gli addetti del magazzino si sono limitati a dirgli dove e come sistemare la merce, ma hanno lasciato che scaricasse i bancali da solo

• tentare di chiedere spiegazioni era inutile, perché in cambio arrivavano solamente risposte scortesi

• l’unica cosa da fare era mettersi l’animo in pace, perché alcuni suoi colleghi gli avevano detto di aver aspettato anche DUE ORE E UN QUARTO

→ Un magazzino nel quale si aspettano più di due ore per consegnare delle bolle e dove nessuno è in grado di spiegare cosa sta succedendo (forse perché nessuno lo sa con precisione) NON è chiaramente un magazzino gestito in modo ottimale.

• Lasciare che il camionista scarichi da solo la merce che garanzie dà riguardo il fatto che venga movimentata con cura e attenzione e riposta in modo corretto dove previsto dalle procedure? E, tra l’altro, se il camionista si fa male finché scarica la merce nel tuo magazzino cosa succede alla tua azienda?

• Quanto costerà all’azienda ritrovarsi con merce danneggiata? Che impatto avrà sul processo produttivo dover usare dei lavoratori per spostare quella merce nel caso in cui non sia stata scaricata dove doveva?

• E anche nel caso in cui in quella circostanza la merce sia effettivamente stata scaricata correttamente rimanendo integra, dopo l’arrabbiatura rimediata per aver perso tempo ed essere stato trattato male la prossima volta quanta attenzione ci metterà il camionista?

Direi che è piuttosto facile indovinare le risposte a queste domande.

Leggendo i commenti lasciati dai colleghi e cercando altri video simili si capisce che questo non è affatto un episodio isolato o sfortunato, frutto di situazioni impreviste (che comunque un professionista della logistica deve mettere in conto ed essere in grado di gestire).

Un camionista che si limita ad arrabbiarsi non è però il peggio che possa capitare. In Attesa allo scarico? Tempo perduto puoi leggere di come le cose possano arrivare a degenerare:

“La situazione ormai coinvolge diversi comparti di trasporto. Dai servizi portuali ai trasporti siderurgici fino alla grande distribuzione, le ore di attesa per effettuare uno scarico diventano un tempo infinito. (…)

C’è stata una scazzottata il 28 gennaio scorso nel porto di Genova (…) Nel primo pomeriggio di ieri, il conducente di un tir è entrato dentro il terminal per caricare container. A quel punto un gruista avrebbe dato inavvertitamente la precedenza ad un altro automezzo. Immediata la rissa (…) In seguito a questo grave fatto di violenza, i dipendenti del terminal si sono riuniti in assemblea, bloccando i varchi d’accesso per impedire il transito agli autotrasportatori. I dipendenti del terminal hanno poi deciso di astenersi dal lavoro fino al primo turno di oggi”

  • Quanto sono costati i rallentamenti della normale attività lavorativa il pomeriggio in cui è scoppiata la rissa?
  • Quanto è costato il successivo sciopero?
  • Quanto costa (in termini di soldi, sprechi, bassa produttività e ore di lavoro perse) una gestione inefficiente della logistica?

Anche qui, come prima, per un imprenditore c’è una sola risposta: TROPPO.

Flessibilità e rapidità: una soluzione reale per il tuo magazzino

Sul sito Uomini e trasporti si parla di attese di 2 ore per lo scarico negli ipermercati e di attese di 3-4 ore per lo scarico nei centri di distribuzione. Con tempistiche del genere è naturale che si verifichino disagi ed errori.

Anche a me, durante i miei primi anni di lavoro, è capitato di vedere autotrasportatori e addetti di magazzino litigare e venire alle mani. Ecco perché, quando sono diventato un imprenditore, mi sono imposto che in un magazzino nel quale mi occupo della gestione delle merci e delle persone non si sarebbero mai dovute verificare scene del genere.

La ricetta per una gestione efficiente della logistica e per avere un magazzino all’interno del quale ogni lavoratore svolge le sue mansioni in modo ordinato e il più possibile produttivo è FLESSIBILITÀ (intesa capacità di far fronte a qualunque problematica imprevista) e RAPIDITÀ DI ESECUZIONE.

Per funzionare bene un magazzino di logistica richiede che ogni giorno vengano prese decisioni corrette e in tempi estremamente rapidi.

In questo momento ti starai chiedendo: “Ok, flessibilità e rapidità di esecuzione sono delle gran belle parole, ma come si fa a trasformarle in qualcosa di concreto?”

Senti quello che dice Massimo, preposto di magazzino per LogisticaZERO presso un cliente che opera nel campo alimentare:

 

LogisticaZERO, il metodo che ho ideato

• nasce da 34 anni di esperienza esclusiva nel settore della logistica di magazzino

• impiega figure come il responsabile logistico operativo e i preposti di magazzino che, basandosi sulla loro esperienza, su precise procedure operative e sugli strumenti tecnologici messi a loro disposizione hanno il compito di coordinare i professionisti inviati al cliente facendo fronte a qualunque possibile imprevisto

• prevede che ogni giorno si tenga la riunione MinutoProduttività tra il preposto di magazzino e i lavoratori, per analizzare quello che è successo il giorno prima, correggere gli eventuali errori e far emergere potenziali criticità per prevenirle prima ancora che si verifichino

• prevede che, alla fine di ogni giornata, usando il software proprietario MinutoProduttività il preposto di magazzino analizzi le prestazioni di lavoro e si confronti con il responsabile operativo per verificare l’andamento delle performance e segnalare situazioni particolari da risolvere

Avrai di certo molte domande. Chiamami al Numero Verde 800 69 99 18 e ti fornirò tutte le risposte di cui hai bisogno.

P.S. Ogni giorno aiuto le imprese a ottimizzare la gestione del loro magazzino con il sistema LogisticaZERO. Per farlo parto da un’analisi scientifica dei margini di ottimizzazione e misuro costantemente miglioramenti e risultati. Ed è questo che potrei fare per il tuo magazzino. Contattami senza impegno [clicca qui] per conoscere nei dettagli in che modo LogisticaZERO potrebbe migliorare nei primi 3 mesi le performances del tuo magazzino.

The following two tabs change content below.
Lavoro nella logistica dal 1996. Autore del libro "Odissea nella Logistica. Guida pratica per l'imprenditore" . Sapevi che è possibile ridurre i costi logistici in media dal 10 al 18%, entro 3 mesi con alcune azioni precise? E migliorare il servizio per i tuoi clienti. Chiedimi come
Non sono presenti commenti

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.